sabato 22 gennaio 2011

A Ruby, poesia

La terza ed ultima poesia della trilogia sul Rubygate. Ruby Rubacuori (attenzione, non è il suo vero nome, almeno stando alle affermazioni di Alfonso Signorini), ragazza marocchina diciottenne con due anni di esperienza in discotecosofia applicata, è diventata ricca facendo esattamente ciò che consigliava  il presidente Berlusconi a tutte le donne: prostituirsi con uomini agiati. Visto? Il metodo funziona e come sempre avevamo tutti torto. W il presidente.
(asp)

Nessun commento:

Posta un commento