lunedì 7 febbraio 2011

Fiat a Detroit, una poesia per Marchionne ed una saponetta per tutti gli altri

 La tentazione di esprimersi in versi ha toccato anche Corto, dal quale la redazione del Peggio si aspetta qualche toccata in prosa (per il Re minore, magari). Sergio Marchionne, l'Amministratore delegato col pallino dello schiavismo, ha fatto sì che la FIAT diventasse americana. Il governo, immobile, impegnato a raccogliere la saponetta e a strumentalizzare la presunta strumentalizzazione della sinistra sui referendum, ha cercato di imporre la sua voce sui media (ma non sull'AD) ma non ha avuto alcun esito sperato. Fiat fuori da Confindustria, Fiat con sede legale a Detroit. Quale il prossimo passo? Saponetta governativa.[asp]

Nessun commento:

Posta un commento