domenica 3 aprile 2011

Quello strano Accordo tra Italia e Tunisia

Il 25 Marzo i ministri Maroni e Frattini si sono recati a Tunisi per stipulare un accordo tra Italia e Tunisia affinché da una parte si bloccassero i flussi migratori verso il nostro paese e dall'altra ci fossero degli investimenti economici. Ieri il governo tunisino ha smentito tutto, dichiarando che non c’è alcun tipo di accordo.

In realtà a Frattini la faccenda puzzava un po’ sin dall’inizio: quel tunisino con il cappello da texano e quella strana promessa di ottenere la piramide di Giza. Maroni invece sapeva bene che la piramide era in Egitto e che non avrebbero potuto farci granché, tuttavia ha preferito non dire niente per non deludere il suo collega.
L’erboristeria che ha ospitato l’incontro istituzionale doveva sgombrare la sala entro le 12, poiché a quell’ora gli inservienti avrebbero dovuto preparare i tavoli per l’incontro delle ore 13, un torneo multi-table di Texas Hold ‘em.

Usciti dall’edificio, i due ministri italiani hanno trovato un taxi francese ad attenderli, pronto a riportarli in aeroporto. Mentre il taxi partiva, Frattini con una vena di malinconia seguiva con lo sguardo l’erboristeria e quell’uomo con il cappello texano che usciva di corsa gettando qualcosa per terra.
Una volta arrivati in aeroporto, i due si sono pacatamente avviati verso le cabine telefoniche. Non ci hanno messo molto a capire che entrambi avessero l’intenzione di avvisare per primo Berlusconi, così senza pensarci due volte hanno improvvisato una corsa  verso gli unici due telefoni disponibili. Nonostante abbia dovuto recarsi al cambio valute dell’aeroporto per farsi cambiare gli euro, Maroni ha comunque avuto la meglio su Frattini il quale aveva perso il portafoglio.

Sull’aereo, il Ministro degli Esteri seguiva l’aeroporto allontanarsi, con lo stesso sguardo malinconico con cui poche ore prima guardava quello strano uomo col cappello gettare qualcosa per terra. Voltatosi verso Maroni, Frattini avrebbe detto: “Bobo...mi sa che torneremo presto”.

Andreaseperso

Nessun commento:

Posta un commento