sabato 31 dicembre 2011

Don Verzé e il buco infernale

13 commenti:

  1. è una vergogna ironizzare anche sulla morte, in fondo non ha toccato i vostri portafogli, mi pare che il san raffaele è uno dei migliori ospedali, sapete vedere solo il peggio,siete messi proprio male!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. In risposta al commento dell'anonimo.....
    Tutti sono capacissimi di fare la bella vita con i soldi degli altri!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Come sarebbe a dire che non ha toccato i n9stri portafogli? Ha evaso tasse a palate.
    E mentre lui faceva una vita da nababbo, noi ricoverati al S.Raffaele, la scorsa primavera, non avevamo abbastanza coperte per coprirci.

    RispondiElimina
  4. La satira deve poter parlare di tutto, soprattutto essere cattiva, anzi, spietata, coi morti che in vita sono stati una persone spregevoli come don verza. Se il suo ospedale era d'eccellenza, perché non ha investito i suoi lauti profitti nel crearne altri per le centinaia di milioni di derelitti in giro per il mondo, come ha fatto Gino Strada con una frazione di quelle somme? Eppure don Pezza (da culo) era un prete e come tale avrebbe dovuto accogliere il messaggio cristiano di aiutare i poveri. Ma invece aiutava i ricchi, primo fra tutti se stesso.

    RispondiElimina
  5. Via uno ,ora il nano malefico il piu' presto possibile.

    RispondiElimina
  6. la storia si ripete!! Come diceva un vecchio saggio (G.G.): "in italia un politico o amico di politici delinquente quando muore diventa santo".

    RispondiElimina
  7. tutto sto casino per la morte di un vecchio malfattore e nulla quando un giovane lavoratore muore per colpa di datori di lavoro delinquenti.... Non è questo il paese che avevo sognato da giovane !!

    RispondiElimina
  8. Speriamo che lo mettano nel posto più caldo dell'inferno, in attesa che venga a fargli compagnia anche Berlusconi al più presto

    RispondiElimina
  9. finalmente una buona notizia

    RispondiElimina
  10. Siete proprio tanto sicuri che don Verzé andrà all'inferno?
    1 - Nessuno di voi deciderà dove andrà don Verzé (nemmeno io).
    2 - Ammesso (ma non concesso) che don Verzé si sia meritato (?) l'inferno (per quale motivo, poi?), penso che dovrà aspettare molto a lungo per accedervi, vista la lunghissima (quasi interminabile) fila che avrebbe davanti.
    Con buona pace di tutti. Specialmente dei traditori di sinistra del popolo.
    giesse51 ex-socialista.

    RispondiElimina
  11. Anonimo, ma ci sei o ci fai? E te lo chiedi, perché dovrebbe andare all'inferno? Secondo te, i ladri dove dovrebbero andare, in paradiso forse?
    Mi sa che sei un elettore del PDL... o della lega.

    RispondiElimina
  12. x Dati e Fatti.
    Ma sai almeno leggere, oltre che scrivere?
    Intanto non sono anonimo, in calce c'è la mia firma, quello che uso da anni (non quella con cui ero registrato a ok notizie: "gaetanos"), inoltre aveta la mia e-mail, da cui è evidente derivano i miei "nick-name).
    Siccome hai difficoltà di lettura, ti dirò chi sono: sono Sebastianutti Gaetano da Udine.
    A proposito di don Verzè: di quale inferno parli? Di quello in cui non credi o di un altro "gestito" da una fazione umana.
    Se tu fossi un "credente" sapresti Chi decide dove andranno le "anime", Paradiso o Inferno che sia.
    Elettore di destra? Uno che credeva, profondamente, nell'ideale socialista? La mia stessa mano si "rifiuta" di mettere una "x" su un simbolo di destra. Da sedici anni stò a guardare... aspettando, forse un Messia...?
    giesse51.

    RispondiElimina
  13. pollice in su per Gaetano

    RispondiElimina