lunedì 12 marzo 2012

PROSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA - parte 3 (artt. 9-12)

Art. 9
La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica, con mezzi tutt'ora sconosciuti.
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione attraverso condoni edilizi ad hoc.

Art. 10
L'ordinamento giuridico italiano si conforma alle regole dello stesso ordinamento giuridico, creato sulle basi dello stesso ordinamento giuridico.


La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità al caso fortuito dettato dalle possibilità delle amministrazioni e burocrazie locali, le quali possono chiedere aiuto allo Stato attraverso manifestazioni di disperazione popolare. Nel caso tali manifestazioni non richiamino l'attenzione di almeno 2 telegiornali nazionali, la condizione dello straniero ed eventuali richieste di aiuto non saranno prese in considerazione.


Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge. Godendo del diritto d'asilo può andare all'asilo e dormire nell'asilo, ma deve tuttavia allontanarsi nel caso lo stesso venga adibito a seggio elettorale.

Non è ammessa l'estradizione dello straniero per reati politici, tuttavia è consentito l'arresto da parte di spie statunitensi ai sensi degli artt. 567-567bis dei trattati segreti post liberazione.

Art. 11
L'Italia ripudia la guerra ma è membro ufficiale del club RISIKO internazionale. Il suo obiettivo segreto è costituito dalla "conquista di 18 territori presidiandoli con due armate ciascuno".

Art. 12
La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso. Da lavare senza candeggio con il programma "delicati".

LEGGI LA PRIMA PARTE
Andreaseperso

1 commento: