venerdì 26 ottobre 2012

A Berlusconi, poesia d'addio.

    Addio (?), Silvio.

2 commenti:

  1. ADDIvederci, Silvio!


    Perché piange il gorilla nel Bioparco?
    Perch’è triste e sospira l’elefante?
    Perché il cielo ha un aspetto inquietante
    e son mogi e depressi pure i narco?

    La natura dall’Ovest al Levante
    ha precluso ogni più piccolo varco
    alla gioia e s’impregna di rammarco,
    accecata da un dolore abbagliante.

    Se ne va, se ne scende da cavallo
    l’etereo cavaliere senza macchia.
    Colui che non commise neanche un fallo

    di spine il cuore al popolo sbucacchia.
    Ma i giudici gli stan pestando il callo…
    e lui fa retromarcia se s’incacchia!

    RispondiElimina
  2. bella (Archiloco)

    RispondiElimina