domenica 4 novembre 2012

Nell'Itaglia di Ferrara, poesia satirica

    Giuliano Ferrara esigeva un suicidio al giorno. Un insegnante precario l'ha accontentato.

1 commento:

  1. Sono il re del giornalismo indipendente,
    dalla CIA non ho beccato mai un baiocco.
    Coi Servizi sono stato servo sciocco,
    come può un elefantino esser agente?

    Io se agisco lo fò solo per Silvietto,
    Nostro Amore, Cavalier d’Extremadura.
    E’ per lui che in faccia ho questa abbronzatura,
    è al suo sogno che ho immolato il mio culetto.

    RispondiElimina