giovedì 29 novembre 2012

INTERVISTA A MATTEO RENZI

Buongiorno, sig. Sindaco.

- Chiamami Matteo.

Buongiorno Matteo, ci può dire come deve essere composto il suo governo ideale?

- Ma no, dammi del tu, volevo dire!

D'accordo, allora ci puoi dire chi sono i ministri che vorresti in un tuo Governo?

- Rispondo subito, ma fammi chiarire una cosa fondamentale: il cambiamento è importantissimo. Se una società vuole migliorare si deve rinnovare continuamente.

Concordo con te.

- Per questo abbiamo deciso di occuparci di politica, perché noi crediamo profondamente possibile operare un cambiamento e che questo cambiamento arrivi dall'interno.

Quindi, sul governo ...

- Guarda, è fondamentale che ci sia un numero congruo di ministri ed un pari numero di uomini e donne.

Sì, ma qualche nome.

- Ti dico chiaramente: le donne avranno un ruolo fondamentale nel mio governo, se avrò la fortuna di esser eletto, perché guarda essere eletti è una cosa bellissima, è un privilegio poter servire il proprio paese.

A volte ti accusano di non rispondere alle domande ...

- Un'accusa ingiustificata! Che viene dall'apparato del partito e che rispedisco con forza al mittente.

Era una battuta ... ci dici qualche nome?

- Allora .. sicuramente un certo numero di donne capaci, meritevoli, non una Rosy Bindi ... e non perché non stimi Rosy Bindi, che ha una storia personale, un curriculum di tutto rispetto ... etc.

Ok, cambiamo domanda. La politica economica?

- Ti dico subito: ci vuole una svolta in fatto di politica economica; la politica economica è la cifra che distingue un paese che vuole crescere da un paese rattrappito su stesso, che non ha idee per il suo futuro e per i giovani che rappresentano il futuro di ogni paese.

Quindi proponi idee nuove?

- Assolutamente sì, se saremo chiamati dal popolo a governare questo paese sapremo essere pronti ad aprirci al cambiamento ed alle novità.

Sì, ma quali politiche metterai in campo?

- Metteremo in campo politiche di profondo rinnovamento, di innovazione per consegnare al Paese un obiettivo, una speranza, un sogno.

Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhaahaaaaaaaaa


6 commenti:


  1. Matteo Renzi e la politica dei pannolini


    Salve, sono Matteo Renzi, quello che aspira la C, aspira alla presidenza del consiglio e se mi ci metto mi aspiro tutto il PD.
    Sono Matteo l’aspirapolvere: sbriciolerò Bersani gridandogli Polvere sei e polvere diventerai!
    Lui ha già un piede nella fossa, mentre io… io ero là quel giorno che Steve Job ha gridato ai giovani Siate affamati! E io c’ho ‘na fame… che mi pappo tutto il PD. La Bindi no, perché quella la lascio per il brodo. Ah! Ah! Ah! Questo è il nostro umorismo: giovane per i giovani.
    Noi siamo per i giovani, con i giovani e nei giovani. Tra poco partirà un nuovo programma televisivo su Canale5: Per noi giovani, condotto dal mio amico Renzi Arcore. Abbiamo selezionato i nuovi comici nei migliori asili nido della penisola: umorismo al plasmon!
    Basta con i pannoloni: tutto il potere ai pannolini!
    Il PD fa acqua da tutte le parti: è un Partito di incontinenti! Deportiamoli tutti in una Casa di Riposo. Meglio se eterno.
    Rottamiamo gli Dei Paganti, truffaldini, i Lusi e i Penati.
    Chi ha mai detto che basta essere giovani per aspirare alla leadership? Sono indispensabili altri due attributi: essere stato, a soli 37 anni, giovane presidente della provincia di Firenze e poi giovane sindaco di Firenze; e soprattutto essere un nome nuovo: tipo Matteo.
    Un giovane che si affaccia alla politica con tutta l’ingenuità dei suoi verdi anni e senza le malizie di chi è avvezzo a calcare da tempo i pavimenti viscidi dei Palazzi. Uno che non da oggi ha fatto dell’essere giovane il suo vessillo; la sua missione.

    Quant’è bella giovinezza
    che si fugge tuttavia:
    ne salviamo l’avaria
    rottamando la vecchiezza!

    Uno che non ha poteri forti alle spalle, perché, essendo giovane e ingenuo, li conosce bene: meglio averli a fianco.

    Salve, sono Matteo Renzi, uno che se diventerò premier non sentirete più il bisogno di Berlusconi.
    Io li rottamerò tutti, perché io non sono solo Matteo Renzi, ma anche Pippi Calzelunghe, Tom Sawyer, Peter Pan, Pinocchio, il Giovane Oldman, Pollicino, Giamburrasca, Piccoli uomini e Piccoli uomini crescono, QuiQuoQua, i Tre Porcellini, Enrico del libro Cuore…
    Sono Matteo Renzi, l’uomo della Previdenza: li manderò tutti in pensione, nei Centri per anziani a ballare il liscio, al mare a Cesenatico in novembre, con Enrico Ruggeri e Roberto Vecchioni.
    Jovanotti, a noi!
    Abolirò il Senato e lo sostituirò con un grande box pieno di giochi, dove si riuniranno gli onorevoli under 5.
    La Camera sarà sostituita dalla Cameretta, con i banchi a castello e i vasini da notte per soddisfare i bisogni più impellenti anche in pieno giorno.
    Sostituirò le auto blu con i girelli bianchi!

    Salve, sono Matteo Renzi, quello che sta per formattare il disco fisso della politica italiana. Noi a Bersani gli formatteremo il C:!
    Sono Renzi il Formatteo.
    Noi raseremo al suolo i Palazzi del Potere!
    E sarà una rasata che ci seppellirà.

    RispondiElimina
  2. non vorrei risukrtare rompicoglioni più di quello che sono, ma proprio poco fa un'amica moi ha messo al corrente del fatto che gli utentigmail hanno problemi a ricevere posta dagli altri. Tanto per capirci: io ancora ieri vi ho spedito una mail: qualcuno l'ha ricevuta e vista? Giusto per capire, per farmi un'idea precisa, mica per altro. Grazie e scusate l'assillo

    RispondiElimina
  3. Non so se è più bella l'intervista o il commento della jena :-D

    RispondiElimina
  4. no no, perdio, bob dire così, che qua mi cacciano prima ancora di avermi assunto! L'Inter vista domenica scorsa fa schifo, ma questa non ha nulla a che spartire con il commento.
    Perdio, ci mancava pure questa...

    RispondiElimina
  5. ciao Jena, sono Archiloco, non so se ti abbiamo risposto? Ti abbiamo risposto?

    RispondiElimina
  6. sì sì, grazie, non siamo ancora agli incontri del terzo tipo, ma va già meglio.
    Saluti a Ipponatte e Semonide

    RispondiElimina