mercoledì 12 dicembre 2012

Scontro, poesia satirica

    Alfano e Dell'Utri si sfidano a suon di insulti. E scatta la poesia!

3 commenti:


  1. Alfano e Dell’Utri: parenti serpenti

    Trattandosi di fichi siciliani
    la guerra si presenta assai spinosa:
    violando la natura un po’ omertosa,
    si latrano l’un l’altro come cani.

    S’attaccano al Berlusca qual ventosa
    per primeggiare in mezzo ai pretoriani.
    Verrebbero magari anche alle mani,
    l’un l’altro proclamandosi smorfiosa.

    A volte si fa aspra la tenzone,
    ma in fondo a queste beghe di cortile
    prevale sempre il ben della nazione.

    Alfano ha con Dell’Utri un bel, civile
    dibattito su chi sia il più coglione,
    su chi conti di più dentro il porcile.

    RispondiElimina
  2. complimenti !!!! questo significa : "rispondere...per le rime!!!"

    RispondiElimina
  3. contrograzie a te!
    e se possiamo cantarcela e suonarcela un po' fra di noi, intanto che non ci sente nessuno, come tu stesso scrivi, tra botta e risposta trattasi di
    "perle rime".

    RispondiElimina