venerdì 4 gennaio 2013

L'AGITATORE MONTI, poesia satirica


7 commenti:


  1. Monti sputtana il sito del Governo

    Italia mia, benché ‘l parlar sia indarno*
    lo voglio dire e pur con voce forte:
    da noi le cose andranno sempre storte
    se il senso dell’onore è così scarno.

    Vorrei lavar la mia tastiera in Arno
    e poi con l’Alighier stretto a coorte
    tirare in faccia raffiche di torte
    per conto dei delusi che io incarno.

    Come ha potuto Monti, che godeva
    di gran prestigio e di fiducia tanta
    macchiarsi dell’abuso di potere,

    l’incarico suo usando come leva
    per propaganda al coro in cui lui canta?
    La faccia gli si sfuma nel sedere.


    * canzone numero CXXVIII (128) del Canzoniere di Francesco Petrarca

    RispondiElimina

  2. Come ridurre le tasse? Alzandole prima

    Viene il dubbio, ma è soltanto cattiveria,
    che qualcuno abbia fatto un poco il furbo:
    con la scusa di levare poi il disturbo
    ci ha arricchito di una salutar miseria.

    La politica non era sua materia:
    “Con la tecnica soltanto mi masturbo”,
    ci diceva. Poi di colpo ha messo il turbo
    e il disgelo ha già raggiunto la Siberia.

    Viene il dubbio, ma si fa per accademia,
    che magari abbia tirato su le tasse,
    messo l’IMU e peggiorato le pensioni

    non perché sia una persona sobria e astemia
    ma per fare ancora il primo della classe
    promettendo mari, monti e riduzioni.

    RispondiElimina

  3. Mariolino e Silvietto nemici per la pelle. Nostra

    Berlusconi punta dritto alla rimonta:
    dice lui che andrà da solo alla riscossa
    sia del Centro che del clan Bandierarossa
    e che pure senza Lega andrà alla conta.

    E’ sicuro: non a lui toccherà l’onta
    di finire avendo rotte tutte l’ossa.
    Stagionato come il cacio nella fossa
    darà un calcio a tutti e lascerà l’impronta.

    Professore e Cavaliere ai ferri corti,
    anche se per noi sarebbe meglio ai ferri.
    Si dipingon da nemici e sembran pronti

    a sfidarsi per mutar le nostre sorti
    geremiando che si dan le perle ai verri.
    Noi speriamo che nessun dei due ri-monti.

    RispondiElimina

  4. Centrodestra o centrosinistra? Senz’ali si vola!


    “Destra e Sinistra per me pari sono”
    Monti gorgheggia con far libertino.
    “L’una o quell’altra fan solo casino,
    loro la colpa del buco all’ozono.

    Anche i binari, vedete, sbullono:
    mònorotaia è il progresso in cammino!
    Ben l’ha capito solerte l’Ichino:
    “Io quei retrogradi ormai li abbandono.”.

    Destra o Sinistra, dilemma obsoleto
    per un’Italia che avanza sicura
    verso un futuro che ha già messo in banca.

    Monti è il progresso, lo è per decreto;
    noi siamo indietro, per nostra natura.
    Mari o monti? È una scelta che stanca.

    RispondiElimina
  5. riconoscerai che il soggetto è stimolante, quasi quanto il suo prtedecessore.
    Buon anno, dato che ci sentiamo per la prima volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricambio gli auguri, e tanta buona satira !!!!!

      Elimina