venerdì 5 aprile 2013

PARLA, poesia per Ruby Rubacuori

    Silenzio, parla Ruby.

1 commento:


  1. Lasciando perdere la pubblicazione, non so quanti lo condivideranno

    Ruby, ma non sei ladra

    Povera Ruby, innocente bugiarda,
    ... donna senz’essere stata fanciulla.
    Furba presunta, ma dentro citrulla,
    schiava dei succubi della bernarda.

    Bimba procace, precoce maliarda,
    tono saccente di pavida bulla,
    escort che il sesso ai potenti trastulla
    e grazie a loro diventa infingarda.

    Prima reazione, vien fuori l’insulto
    di fronte a tanto sfacciata protervia,
    falsa e bugiarda da bolgia dantesca.

    Poi di pietà ti carpisce un sussulto:
    per lei l’onestà è una via impervia,
    preda di chi ha la coscienza burlesca.

    RispondiElimina