giovedì 23 maggio 2013

Diario Perso - Giorni Mortali

In questi giorni abbiamo visto cadere due colonne della società italiana: Andreotti e Don Gallo. Due figure nettamente contrapposte ma unite nella fede cristiana. Cattolico uno, laico l'altro. Ovviamente, il cattolico era Andreotti. Per entrambi non ce lo si aspettava: Don Gallo era ancora vispo nelle sue ultime apparizioni televisive, mentre Andreotti era ancora vispo nelle sue stesse apparizioni. Andreotti appariva alla gente, un po' come Padre Pio. Proprio il mese scorso, Andreotti m'è apparso sull'olografia della mia carta di credito. Per Andreotti e Don Gallo da oggi inizia una super competizione in libreria. Chi venderà di più? Le librerie esporranno più Andreotti o Don Gallo? A quanto ammonteranno gli utili di queste vendite? Il settore mostrerà una ripresa grazie alla vendita di tutti questi libri? Vedremo. Ma Don Gallo? Il prete fumatore e partigiano? Lascerà un'impronta sul cammino di tanti giovani sacerdoti che ne seguiranno le gesta ribelli? I cattolici di sinistra porranno il libro di Don Gallo accanto alla videocassetta della Messa è Finita di Nanni Moretti? Ad ogni modo, oggi sono andato in libreria e mi sono ritrovato di fronte a questo mausoleo.


Per quanto possa vincere Don Gallo, scusatemi se compro un CD di Enzo Jannacci.

Andreaseperso

Nessun commento:

Posta un commento